Le Graffette

Le “Graffette” sono libretti agili ed economici da distribuirsi anche nei locali pubblici: principalmente si tratta di brevi interviste a personaggi locali più o meno illustri (il debutto è stato una toccante intervista di Gabriele Dadati a Luigi Cavanna, medico oncologo), ma abbiamo pubblicato anche una raccolta di ricette curata da portatori di disabilità, nello spirito della nostra cooperativa.

Barbara Belzini
TOGNAZZI MI MANCA DA 25 ANNI
30 film per il 2018 (e una manciata di serie tv)
Questa volta il titolo scelto è “Tognazzi mi manca da 25 anni” ed è l’ormai classica lista dei film da vedere (con anche qualche serie annessa) che Barbara Belzini, giornalista di Libertà, stila ogni anno e che anche per il 2018 non poteva mancare. Un mix di qualità oggettiva, soggettiva, risultati al botteghino, impatto sociale – affettivo – culturale; che rispecchiano 12 mesi di cinema raccolti nelle 55 paginette del nostro formato “graffetta”.

Barbara Belzini
QUESTO BUDDY LOVE, FRATELLO MAGGIORE DI DANNY ZUKO
30 film per il 2017
Quando ripenso a un anno di cinema penso alle immagini e alle parole che mi sono rimaste in testa. Perché questo è il cinema, immagini, parole, musica. E per me raccontare un anno di cinema è scrivere di cose che ho amato, o anche cose che ho amato meno ma che mi hanno lasciato delle immagini in testa (è il caso, ad esempio, di Song to Song, Una donna fantastica o Happy End). È ricordare un anno d’amore.
E quindi, per quello che abbiamo visto, per quello che vedremo, per quello che abbiamo perso, la copertina-tributo di quest’anno va a Jerry Lewis, non credo che servano motivazioni.

Silvia Burgazzi
RACCOLTA DI POESIE
1991 in una comunità non ancora felice
Mi chiamo Silvia,
da circa 15 anni e più, scrivo poesie, per me.
Sono stati pubblicati due libri.
Scrivere, per me, è una grande soddisfazione, per me, i fogli bianchi, sono come figli.
Non posso stare a lungo tempo senza scrivere.
16/11/2016
“Sì, dopo quella caduta di alcuni giorni fa, sono tornata a nuova vita…ora tutto sembra più semplice…voglio riprendere a scrivere, le nuove sensazioni, nei miei silenzi.
Voglio ringraziare in mille modi, le persone che mi hanno aiutato;
andando avanti sempre più avrò bisogno, perché se prima, a modo mio mi arrangiavo, ora non più posso farlo..”

30 ANNI DI COOPERATIVA SAN MARTINO
Storia dei 30 anni della Cooperativa S. Martino

Barbara Belzini
LASCIA STARE MI RILEGGO QUESTA
Il 2016 in 20 film
Questa non è una classifica, questo non è un annuario del cinema.
Qui si parla di alcuni film usciti in Italia nel 2016 con un tono decisamente e volutamente sopra le righe. Perché non conosco altro modo di parlare di cinema se non questo: essendo una cinefila da tutta una vita, conosco il genere. Mi piace. Anzi di più, l’adoro. Voglio bene a chiunque abbia la voglia e la passione di discutere con me di qualsiasi film in qualunque momento. E ancora di più voglio bene ai cinefili, anche a quelli che non conosco, soprattutto a quelli che non conosco, quando si scaldano per difendere o attaccare un film. Per l’amore. Per la passione. Per quella che Daniel Pennac chiama con espressione felice “la superbia risolutamente brutale che alligna solo in terra di cinefilia”. Che è un mondo. A volte borioso e supponente ma anche feroce e appassionato. Perché non esiste critica oggettiva. Se esiste, è di una noia mortale.

Giovanni Battista Menzani
DI TUTTI I COLORI (2015)
Il Pagellone musicale del 2015
Dice: ma ascolti ancora quella musica?
Quale musica? Sii più preciso.
Dice: il rock è morto.
E allora. Oggi è una parola priva di significato.
Dice: io ascolto la radio.
Perchè far scegliere sempre agli altri?
Dice: io ormai non ho più tempo.
No. Non hai più curiosità o passione. Bastano solo cinque minuti.

Barbara Belzini
TEEN MOVIES UN TUBO (2015)
Il 2014 in 20 film
Questa non è una classifica, questo non è un dizionario. (Numero 1, lettera M, il film più bello del 2015 è Mad Max: Fury Road)
Qui si parla di alcuni film usciti in Italia nel 2015 con un tono decisamente e volutamente sopra le righe. Perché non conosco altro modo di parlare di cinema se non usando tutta la gamma di emozioni che il cinema mi regala. Perché, come dice Cecilia in quel magnifico film che è La Rosa Purpurea del Cairo di Woody Allen “So I thought, if we could go to the movies tonight, you could forget your troubles”.

Adulti Speciali
LAVORARE STANCA… MA SOLO UN POCHINO (2015)
Il lavoro significa inclusione. Il lavoro dà dignità alla persona, ponendo l’attenzione sul saper fare. Il lavoro è anche trasformazione, quella della persona disabile che percependosi utile è stimolata a sviluppare nuovi apprendimenti, cessa di essere il mero beneficiario di un intervento. In questa “Graffetta” troverete alcune storie di lavoro, ma “fuori dal normale”.

CSRR di San Rocco. Testi raccolti da Alberto Peracchi
COMPRESSE DI BUONUMORE (2015)
Sorridere aiuta a star bene, ad entrare in relazione con gli altri, a sentirsi tra amici, e socializzare. Con questo spirito è nata l’idea di progettare un testo di barzellette, storielle a lieto fine e poesie. I testi raccolti da Alberto Peracchi, con l’aiuto dell’educatrice Elisa Lorandi e il supporto da tutto il gruppo di operatori del C.s.r.r. S. Rocco di Fiorenzuola, è un risultato importante che traduce in realtà un sogno che Alberto teneva nel cassetto. E allora fatevi due risate insieme a noi!

Prospero Cravedi
ABBI FEDE… FACCIAMO DA MANGIARE
IL DIARIO AFRICANO (2015)

Prospero Cravedi è un maestro della fotografia, ma in questa Graffetta diventa cronista e scrittore. E ci racconta con un diario bellissimo e sincero la sua Africa. Quella che ha conosciuto attraverso i viaggi con Africa Mission Cooperazione e Sviluppo, l’ong piacentina che da oltre 30 anni opera nel continente nero.
I proventi della vendita del libro saranno devoluti all’ONG Africa Mission

CSDR “La Girandola”
DOLCEMENTE ABILI
Come i grandi chef che di questi tempi si vedono in televisione, anche noi ci mettiamo alla prova, senza “pressure test” o sfide all’ultimo colpo di coltello. Il laboratorio si svolge una volta alla settimana e i quattro gruppi di lavoro si alternano nell’esecuzione di muffin, pizze, biscotti, torte dolci e salate, il cui risultato finale è unico ed originale poiché rispecchia la creatività dei ragazzi de “La Girandola”.
Ogni ricetta è un ricordo da custodire e condividere con voi.
Buona lettura ma soprattutto buon appetito.

Alberto Gorra
AQUILA NERA HA GLI OCCHI A MANDORLA (2015)
Una piccola guida topografica alle vie dedicate alla Resistenza a Piacenza.
Ma anche una raccolta di biografie in pillole dei partigiani piacentini e dei principali luoghi di battaglia. E pure una galleria di ritratti dei nostri combattenti, disegnati dai ragazzi di due classi terze della scuola media “Anna Frank”.
Per il 70esimo anniversario della Liberazione.

Emilio Bolzoni vs Gianluca Zilocchi
PIACENZA DA RIPENSARE (2015)
A cura di Mauro Peveri e Mauro Ferri
Due voci, autorevoli ma distinte, che affrontano il tema del futuro di Piacenza. In questo primo scorcio del 2015 abbiamo voluto interpellare Emilio Bolzoni, presidente di Confindustria Piacenza, e Gianluca Zilocchi, segretario provinciale della Cgil, per parlare delle prospettive di sviluppo del nostro territorio.
I testi che leggerete in questa “Graffetta” sono il frutto di due interviste che Mauro Peveri, curatore su PiacenzaSera.it della seguita rubrica “Pillole di Economia”, ha proposto a due protagonisti del mondo del lavoro piacentino, e che sono state pubblicate sul nostro quotidiano online.

Giovanni Battista Menzani
IL SOLE UCCIDE LA LUNA (2015)
Il Pagellone musicale del 2014
Il Pagellone di PiacenzaSera.it è diventato ormai una consuetudine di ogni Natale che il Signore ci manda in terra, ora anche in versione cartacea.
Ecco qui raccolte le recensioni dei 25 dischi – che poi sono più di 25 per via degli ex aequo – più belli dell’anno appena concluso.
(Sun Kil Moon, St. Vincent, FKA Twigs, Jack White, Damon Albarn, Goat, Caribou e tanti altri)

Barbara Belzini
ANCHE SE PHILIP SEYMOUR HOFFMAN È MORTO,
ANDIAMO AL CINEMA LO STESSO PER FAVORE? (2014)
Il 2014 in 25 film
Questo NON è un Dizionario del Cinema.
Questa NON è una classifica dei migliori film del 2014.
Questo è un elenco selezionato di ottimi film distribuiti nelle sale italiane nel corso del 2014.
I motivi alla base della selezione sono soggettivi ma anche oggettivi. I commenti sono tutti soggettivi.
Alcuni di questi film sono stati nelle sale molto tempo, altri solo per qualche giorno.
Questi film potrebbero regalarvi qualcosa di bello, o divertente, o bello e divertente.
Enjoy it. Have fun.

Massimo Trespidi
L’ULTIMO PRESIDENTE (2014)
Un’intervista di Paola Pinotti
Nata come instant book, questa edizione delle “Graffette” di PiacenzaSera.it ha avuto in realtà una gestazione abbastanza difficoltosa. Non di certo per scarsa disponibilità o ritrosia del suo protagonista, Massimo Trespidi, l’ultimo presidente della Provincia di Piacenza ad essere eletto dai cittadini, quanto per la difficoltà di riuscire a scattare una fotografia che non fosse troppo mossa di questa novità che attende tutti i cittadini, ossia la nascita di una “nuova” Provincia.

Renato Cravedi
IL PARTIGIANO ABELE (2014)
Memorie della lotta di Liberazione raccolte da Mauro Ferri
Non ho mai ammazzato nessuno a sangue freddo, ma in quel momento lì probabilmente il grilletto lo avrei premuto, se fossi stato da solo. Muro era accanto a me, mi guardò e capì quello che mi stava passando per la testa. Appoggiò la sua mano sulla canna del mitra e la spinse verso terra. Facemmo uscire i fascisti che vennero fatti prigionieri. Poco più tardi, quando ci ritrovammo da soli, Muro mi avvicinò e mi guardò negli occhi: “Mai un lavoro di quel genere, mai!”. Renato Cravedi, classe ’26, è stato partigiano, ma anche operaio, militante politico e segretario dell’Anpi di Piacenza. In due chiacchierate tra la fine di marzo e l’inizio di aprile, davanti ai suoi occhi chiarissimi sono passati nuovamente alcuni dei fatti importanti della sua gioventù: io ho avuto il privilegio di ascoltarlo e di metterli su carta.

Adulti Speciali
IN CUCINA BASTA UNA FOGLIOLINA (2014)
Le ricette della nostra cena alle erbe aromatiche.
Questa raccolta di ricette rappresenta il momento conclusivo e la memoria di un percorso della durata di un anno scolastico. L’esperienza, rivolta a 13 persone in carico al Servizio Disabilità del Comune di Piacenza ha coinvolto una decina di adulti con diverse età, percorsi, professioni ed esperienze; a creare un gruppo eterogeneo e variegato ma anche vivace e armonioso.
“Nella casa dove si è svolta la cena delle erbe ho avuto la positiva sensazione di assaporare un clima familiare improntato sull’accoglienza e la fratellanza”.
I proventi delle vendite del libro sono stati devoluti ad Afagis Piacenza Associazione famiglie giovani svantaggiati.

Daniel Negri
COSA FARE ASSOLUTAMENTE A 20 ANNI (2014)
Manuale Tecnico per vivere senza rimpianti la propria post-adolescenza
Da consumarsi preferibilmente entro i 25 anni. Maneggiare con cura
Mark Twain, persona saggia e avveduta, autore del romanzo Tom Sawyer, che illuminò la vita di tanti ragazzi facendo loro scoprire la gioia dell’avventura, affermava:
“Tra vent’anni non sarete delusi dalle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l’ancora, abbandonate porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite”
In queste poche righe è racchiuso lo spirito ideale per comprendere la necessità di leggere e conservare gelosamente questo manuale e di metterne in pratica ogni parola.
Cari “giovani”, siete interessati a sapere come vivere in modo egregio la vostra giovinezza?

Luigi Cavanna
DAI MALATI IMPARO IL CORAGGIO (2014)
Un’intervista di Gabriele Dadati
“Ho imparato a farmi passare la stanchezza, che non può esistere di fronte al malato, perché la sua è più grande. Ho imparato la tenacia. Ho imparato il coraggio, perché i malati compiono atti eroici”.
In questo piccolo, prezioso libro-intervista Luigi Cavanna – direttore del reparto di Oncoematologia dell’ospedale di Piacenza – racconta il suo lavoro di tutti i giorni. Dalle pagine traspare viva la passione di un uomo in cui il profilo di medico preparato e coscienzioso si accompagna a un’attenzione affettuosa nei confronti del malato, la cui fragilità viene accolta e protetta.
Tra speranze e momenti di reale difficoltà, seguiamo quello che è un vero racconto di vita, messo su carta da Gabriele Dadati, giovane scrittore che da Cavanna è stato curato nel corso del 2012.
I proventi della vendita del libro sono stati devoluti al reparto di Oncoematologia dell’ospedale di Piacenza

I commenti sono chiusi, ma i riferimenti e pingbacks sono aperte.