Chi siamo

og home

La casa editrice Officine Gutenberg è parte dell’omonima cooperativa sociale nata nell’estate 2013 allo scopo di unire gli sforzi di due realtà operannti da anni sul territorio piacentino nel settore dei servizi e della comunicazione: Eredi Gutenberg e Codex10.
Un nuovo soggetto in grado di offrire un servizio finalmente completo ad aziende pubbliche e private per quanto riguarda la comunicazione – dalla grafica alla stampa, dalla creatività all’ordinata gestione documentale, dall’editoria alla gestione delle biblioteche e degli spazi culturali, all’editoria al service giornalistico – con il valore aggiunto della specificità di una cooperativa sociale radicata nel territorio e in stretto contatto con i servizi sociali.
Una cooperativa del nuovo millennio, moderna e svincolata dalle logiche di sussistenza e pietismo, ma votata all’innovazione all’innovazione e proiettata nel futuro: la cooperazione sociale nell’era dei social.

La nostra attività editoriale è stata inizialmente suddivisa nelle collane ribattezzate rispettivamente “Instant Book”, “i Pescegatti” ,  le “Guide di Gutenberg” e le “Graffette“.

I primi sono legati all’approfondimento di temi di attualità (ad esempio, la storica invasione degli Alpini e il fallimento del Piacenza Calcio), cronaca e politica locale; libretti spesso fotografici e dal costo contenuto, dalla confezione curata e accattivante.

La seconda collana comprende i libri più atipici e meno classificabili. Grazie alla collaborazione con lo scrittore piacentino Gabriele Dadati, tra i finalisti allo Strega e curatore di un’antologia di scrittori piacentini del Novecento (“Racconti piacentini del 900”), sono nati nel 2012 il “Dizionario Biografico Fantastico dei Piacentini Illustri”, nel 2013 la “Guida ai luoghi fantastici di Piacenza e Provincia” e nel 2014 l’ “Antologia del fiume Po” e le “101 cose da fare a Piacenza (almeno una volta all’anno)”.

La collana Guide punta alla valorizzazione delle specificità e delle eccellenze del nostro territorio: arte, storia, turismo, gastronomia. Sono in libreria – e in tutte le edicole della provincia – le camminate sui nostri Appennini, le trattorie a cura della Confraternita dei Grass (edizioni 2013 e 2014, riveduta e aggiornata), che hanno riscosso un grande successo, e le Guide Instant nate dalla collaborazione con la community di Instagram.

Le “Graffette” sono libretti agili ed economici da distribuirsi anche nei locali pubblici: principalmente si tratta di brevi interviste a personaggi locali più o meno illustri, ma abbiamo pubblicato anche una raccolta di ricette curata da portatori di disabilità, nello spirito della nostra cooperativa.

Successivamente abbiamo inaugurato le ulteriori tre collane “gli Elefanti“, le Salamandre” e “i Pesciolini“.

La prima è dedicata alla storia di Piacenza non poteva che essere intitolata all’animale la cui memoria è proverbiale: l’Elefante. E a chi volesse obbiettare che l’Elefante è un animale un po’ troppo esotico e non c’entra granché con la nostra città, suggeriamo una gita alla ricerca del profilo di Surus, il mitico elefante di Annibale che si addormentò in Alta val Trebbia dopo aver attraversato le Alpi e condotto Annibale sino al Trasimeno, il cui profilo è stato scoperto e immortalato dal fotografo Paolo Guglielmetti nel 2009 appena sotto Cerignale.

La scelta della Salamandra come simbolo della nostra collana di narrativa è certamente un omaggio al genio di Bradbury. Il piccolo animale che ha fama di sopravvivere al fuoco rappresenta bene anche la follia di un piccolo editore come noi, che si lancia nel mondo della narrativa con coraggio e incoscienza, pur di creare cultura indipendente.

Last but not least, la nostra collana dedicata ai più piccoli raccoglie fiabe inedite di autori e illustratori piacentini. Perché anche una piccola città come la nostra può avere la sua dose di magia, principesse, fate e animali fantastici!