Arte a Piacenza nel Novecento

ARTE A PIACENZA NEL NOVECENTO. DA GHITTONI A BOT, DA CASSINARI A BRAGHIERI

di Stefano Fugazza

A dieci anni dalla sua prematura scomparsa, questo libro intende celebrare nella maniera migliore Stefano Fugazza, il più importante storico dell’arte che ha operato a Piacenza negli ultimi decenni: restituendogli la parola. Chi lo ha conosciuto lo ricorda infatti come uno studioso competente e rigoroso, ma allo stesso tempo anche come un divulgatore in cui l’affabilità si coniugava a una grande ironia. Al termine delle sue conferenze si tornava a casa certi di aver capito qualcosa in più della storia dell’arte.

Raccogliendo saggi comparsi in cataloghi di mostre e su riviste nasce così Arte a Piacenza nel Novecento, che ci permette di farci raccontare ancora una volta da Fugazza i pittori Francesco Ghittoni e Luigi Arrigoni, Mario Cavaglieri e Osvaldo Bot, Bruno Cassinari, Cinello, Gustavo Foppiani e Giancarlo Braghieri. Per approdare nell’ultimo capitolo alla vicenda di Giuseppe Ricci Oddi, che divenne prima collezionista e poi mecenate, erigendo il museo che porta il suo nome.

Interamente a colori, il libro riproduce i capolavori di ogni artista trattato.

Prefazione di Flavio Arensi.

L’AUTORE

Stefano Fugazza (Cantone di Agazzano, 1955-Piacenza, 2009) è stato direttore della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi dal 1993 fino all’anno della sua morte. Tra i suoi libri ricordiamo: Simbolismo (Mondadori, 1991), I Pompiers. Il volto accademico del Romanticismo (Ilisso, 1992), Giovanni Fattori (Pagliai, 2008), cataloghi di mostre e monografie su singoli artisti, oltre alla curatela delle Pagine d’arte di Gabriele D’Annunzio (Electa, 1986 e ora Abscondita, 2012).

Coedizione con Papero Editore maggio 2019

ISBN 978-88-98751-87-7